Recensione Dyson V11 Animal Plus

Sebbene il comfort dei robot aspirapolvere li renda molto attraenti per l’uso quotidiano, la solvibilità e la versatilità degli aspirapolvere verticali li rendono la grande alternativa. Ed è che gli aspirapolvere a scopa sono i veri eredi degli aspirapolvere a traino di una vita, permettendoci di pulire pavimenti, tappezzerie, tappeti, divani, interni delle auto …

Recensione Dyson V11 Animal Plus

Il tasto? Trova un modello che offra potenza, autonomia per pulire senza badare all’orologio e che sia comodo da maneggiare. Ecco perché abbiamo messo alla prova l’ambizioso Dyson V11 Animal Plus dell’azienda britannica.

Scheda tecnica dell’aspirapolvere Dyson V11 Animal Plus

Prima di iniziare ad analizzare il flagship del brand inglese, è importante specificare che il Dyson V11 è disponibile in tre versioni, ovvero: Absolute Pro, Absolute e Animal Plus, quest’ultimo il più parsimonioso in fatto di accessori ma anche il più economico è proprio quello a cui stiamo facendo la recensione.

Dyson V11 Animal + aspiratore portatile Senza sacchetto Nichel, Porpora
225 Recensioni
Dyson V11 Animal + aspiratore portatile Senza sacchetto Nichel, Porpora
  • Tipologia: Scopa Elettrica
  • Alimentazione: Senza Fili
  • Ricaricabile: Si
  • Funzione Speciale 1: Specifico per peli di animali
  • Tipologia: Scopa Elettrica

Ultimo aggiornamento 2022-04-23 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

(*) AW (watt d’aria) è una grandezza che misura la capacità di aspirazione, in quanto misura il flusso d’aria che è in grado di aspirare.

Efficienza di pulizia

La sfida di un aspirapolvere verticale a batteria è quella di offrire una potenza simile ai suoi omologhi a traino ma con la comodità di un formato più compatto e cordless, in modo che oltre all’aspirazione entri in gioco la sua autonomia. Per valutare il comportamento del Dyson V11 Animal Plus lo abbiamo sottoposto a diversi scenari di utilizzo frequente per un aspirapolvere: pulire i pavimenti e i tappeti di casa nostra, aspirare i divani e gli interni della nostra auto.

Vi mettiamo in secondo piano: la nostra casa è di 90 mq, i pavimenti sono in parquet e ceramica, abbiamo diversi tappeti di diverse misure e altezze e con noi vivono due animali a pelo corto. Portiamo anche i nostri animali domestici nel nostro veicolo e, sebbene abbiamo una coperta per proteggere la tappezzeria, ci sono alcuni peli ribelli sparsi in tutta la cabina. Pertanto, il Dyson V11 Animal Plus dovrà fare i conti con briciole, polvere, capelli, sporco e fili d’erba, tra gli altri.

Questo robot aspirapolvere ha tre livelli di aspirazione, che elenchiamo in ordine crescente di potenza: Eco, Medium e Boost. Secondo il produttore , il Dyson V11 Animal Plus offre fino a 185 AW di potenza, cifre che corrispondono a Boost, la modalità più potente. Naturalmente, sebbene una maggiore potenza di aspirazione sarebbe in grado di intrappolare più sporco, richiede più energia e genera più rumore.

Il problema del rumore non è banale. Secondo l'azienda britannica, questo modello è stato progettato per ridurre al minimo il rumore, e se è vero che con la modalità Boost ci sveglieremo se stiamo dormendo nella stanza accanto, il suono generato è monotono e ovattato.

Durante la mia analisi ho passato il Dyson V11 Animal Plus (con la spazzola Direct Drive) ogni giorno richiedendo circa 10 minuti per percorrere tutta la casa. L’alternanza delle modalità Eco e Media è stata più che sufficiente per intrappolare lo sporco. Naturalmente, nei giorni di passeggiate in montagna alla pecorina, abbiamo apprezzato la modalità Boost per aspirare lo sporco e l’erba. In ogni caso, ha adempiuto in termini di potere e autonomia.

Questo aspirapolvere verticale utilizza un grilletto per azionarlo, quindi lo spremeremo solo quando avremo bisogno di aspirazione. Devo dire che usarlo ininterrottamente per 10 minuti non è la cosa più comoda del mondo: la tensione che si esercita con il braccio per tenerlo premuto e il peso del set fa caricare leggermente il braccio. In questo senso, sarebbe interessante se avesse un’opzione per lasciarlo attivato, anche a costo di consumare più batteria in questo modo.

Non è niente di grave, ma è qualcosa da considerare se verrà utilizzato da qualcuno con un basso livello fisico. Lo sforzo è simile all’utilizzo di un aspirapolvere a traino ma con il vantaggio di non dover essere consapevoli di quanto arriva il cavo.

Risultato sui tappeti

dyson v11 animal plus
Eccezionale per Direct Drive e Dyson V11 combo con tappeti.

tappeti sono una delle noci difficili da rompere nelle case con animali domestici . Ed è molto comune che alle persone pelose piaccia mentire su questi. Di solito li scuotiamo e li aspiriamo di tanto in tanto, ma si spera che abbiano un po’ di sporco su di loro.

Tenendo conto che alcuni tappeti sono pelosi e che passare l’aspirapolvere richiede un certo sforzo, abbiamo optato per la modalità Boost per pulirli. Prima abbiamo svuotato il serbatoio e caricato al massimo l’aspirapolvere. Iniziano le sorprese: dopo diversi passaggi con il Direct Drive si apprezza visivamente che è molto più pulito e che il serbatoio è stato riempito. Beh, era sporco.

Inoltre, quando tocchiamo la testa scopriamo che è leggermente calda e sullo schermo compare un messaggio di avviso che ci avverte che la modalità più ambiziosa non è la migliore per la batteria. Semmai, il Dyson V11 Animal Plus supera questo test a pieni voti: non vedevamo il tappeto così pulito da molto tempo. Nemmeno con il nostro vecchio aspirapolvere a traino.

Risultato sui divani

Dopo aver rimosso la prolunga con il Direct Drive e inserito la minispazzola motorizzata e l’accessorio multifunzione, si è proceduto alla pulizia di divani e poltrone della nostra casa. Non è qualcosa che faremo tutti i giorni, ma fa parte delle pulizie profonde che facciamo di volta in volta.

Qui il comfort cambia molto: rimuovendo il tubo di prolunga con Direct Drive, il Dyson V11 Animal Plus diventa un aspirapolvere portatile moderatamente compatto e abbastanza piacevole da maneggiare con una mano, cosa che apprezziamo poiché con l’altra possiamo spostare il cuscini. Inoltre, il passaggio da una testina per imbottiti all’altra per angoli e macchie è facile e veloce.

Qui abbiamo dovuto tirare più spesso la modalità Boost, poiché i peli incorporati nei tessuti sono più difficili da aspirare rispetto a quando sono semplicemente a terra. Il risultato finale è molto buono: è stato in grado di rimuovere praticamente tutti i peli che erano in vista e non abbiamo esaurito la batteria nonostante abbia trascorso quasi mezz’ora ad usarlo senza interruzioni.

Risultato in macchina

Abbiamo terminato i nostri test di pulizia con una sfida all’altezza: pulire un’auto piccola ma che viene spesso utilizzata per andare al campo e porta animali domestici. Qui c’è tutto: sporco, capelli, monete, carte… In questo scenario di utilizzo, spicca ancora una volta il suo formato di aspirapolvere portatile senza fili, che ci permetterà di muoverci all’interno della cabina senza preoccuparci delle dimensioni o del cavo .

Abbiamo svuotato il serbatoio, la batteria è piena e abbiamo preso gli accessori multifunzione, l’angolo e la minispazzola motorizzata, che abbineremo per ogni superficie. Chiunque abbia un animale domestico e lo porti in macchina saprà che la tappezzeria dell’auto è qualcosa come il velcro per i capelli piccoli , quindi liberarsene richiede pazienza e molta potenza di aspirazione. Devo dire che anche usando un aspirapolvere industriale, finisce sempre per avere dei capelli ribelli in giro.

Finora non ho mai esaurito la batteria, ma qui sospetto che utilizzerò la modalità Boost per un po’. Con la modalità più potente attivata continuamente, siamo stati in grado di aspirare per circa 14 minuti fino a quando non abbiamo esaurito la batteria, cosa che abbiamo visto sullo schermo. Il risultato è stato un’auto pulita quasi al livello dell’aspirazione industriale ma con il vantaggio di questo formato più leggero. A titolo informativo: pulendo l’auto dovevo svuotare il serbatoio fino a tre volte.

Autonomia

Un dettaglio che indica in quale fascia si trova questo Dyson V11 Animal Plus è la sua autonomia. Ed è che secondo l’azienda britannica è in grado di offrire fino a 60 minuti di funzionamento, il che lo colloca tra i modelli più ambiziosi sul mercato . Va tenuto presente che queste cifre sono generalmente ottimistiche – prese nelle condizioni più favorevoli – e che con l’uso effettivo saranno inferiori.

In genere, gli aspirapolvere offrono un’approssimazione della loro autonomia tramite luci a LED, che fungono da guida, ma il Dyson V11 non è contrassegnato mostrando il tempo rimanente stimato in minuti e secondi su uno schermo . Insistiamo, è un’approssimazione – nello stile del tempo di download dell’aggiornamento stimato – che cambia quando cambiamo le modalità o rilasciamo il grilletto, ma è comunque molto utile per calcolare l’intensità e la durata della nostra pulizia.

Così, mentre con la modalità Boost siamo rimasti in 13 minuti, se utilizziamo la modalità Eco superiamo di gran lunga i 50 minuti di pulizia . La cosa buona è che essendo una pulizia a mano, questa volta viene utilizzata bene, permettendo di pulire la casa o altri compiti più gravosi, come abbiamo già visto. Questo è aiutato dalla sua elevata potenza di aspirazione. Ed è che, a meno che non affrontiamo spazi molto sporchi, con la modalità Medium sarà sufficiente nella maggior parte delle situazioni.

Per quanto riguarda il tempo di ricarica, il Dyson V11 Animal Plus richiede poco più di 4 ore per caricarsi completamente, anche se non lo fa in modo uniforme: quando è quasi pieno, la carica è più lenta.

Design

Siamo di fronte a un modello senza cavi che, grazie ai suoi accessori, possiamo utilizzare come aspirapolvere verticale e portatile. Questa tipologia di aspirapolvere ha quindi il suo punto di forza nella modularità e versatilità di utilizzo . In questo senso, gli accessori inclusi sono fondamentali nella scelta di un aspirapolvere con queste caratteristiche.

Il Dyson V11 Animal Plus include cinque accessori: una spazzola motorizzata (Direct-drive), un accessorio multifunzione, un angolo, una mini spazzola motorizzata e una mini spazzola morbida, che la differenzia dall’Absolute che viene fornita con sette (quelle dell’Animal In più una spazzola per sporchi ostinati e la spazzola High Torque) e Absolute Pro con 9 (quelle dell’Absolute più un adattatore e un angolo flessibile). In seguito avremo tempo per approfondire le sue caratteristiche.

Una volta chiarita questa parte, il flagship Dyson arriva con il design caratteristico del resto degli aspirapolvere verticali wireless della casa , ovvero: una testata dove sono integrate l’elettronica, il tubo che ci permette di usarlo stando in piedi e un serie di accessori, che possiamo incastonare sia nella testata che all’estremità della prolunga. In questo senso, il design Dyson è ottimizzato per offrire prestazioni elevate pur essendo comodo nella mano .

Certo, in questo Dyson V11 ci sono alcune caratteristiche che denotano che siamo di fronte alla fascia alta. A livello di design, l’elemento più differenziante sia rispetto ad altri modelli dell’azienda britannica che alla concorrenza è lo schermo LED che abbiamo posizionato nella parte posteriore della testa. Hai davvero bisogno di uno schermo in questo tipo di aspirapolvere? No, ma che in esso vediamo l’autonomia residua stimata, puoi saltare tra le sue tre modalità o mostrare possibili errori è molto pratico e intuitivo. Poiché non è tattile, dovremo interagire con esso tramite un pulsante situato appena sotto.

In questa testa è integrato il motore, il sistema di filtraggio con il serbatoio e la batteria, un potente set da portare appeso alla mano. Sì, il Dyson V11 non è un aspirapolvere leggero , ma da un lato l’appoggio che facciamo a terra quando è in modalità verticale e dall’altro le sue linee ergonomiche, lo rendono molto più comodo da usare rispetto al tradizionale aspirapolvere a slitta pulitore. Ed è che, nonostante le sue dimensioni, lo gestiremo con agilità impugnando una maniglia con un grilletto. Questa risorsa consente di ottimizzare il consumo della batteria poiché premeremo il grilletto solo quando dobbiamo pulire e non mentre lo spostiamo.

Vicino all’impugnatura troviamo la batteria, una delle “colpevoli” di quel peso del Dyson V11 e che teoricamente è in grado di fornire fino a un’ora di funzionamento. La cosa buona di questa disposizione è che è facile da sostituire – che apre la porta a una sostituzione quando si deteriora nel tempo – e che possiamo caricarla fissando questo pezzo con la staffa inclusa. Ciò rende il carico e lo scarico del Dyson V11 comodo e conveniente .

L’altro elemento chiave della testina è il filtro. Dyson è un marchio di riferimento nel settore e tradizionalmente, i suoi modelli sono sempre stati consigliati a persone con problemi respiratori e/o allergie grazie all’elevata efficienza dei loro filtri . Questo si trova appena sotto lo schermo ed è possibile accedervi tramite un sistema a vite. L’aria aspirata passa attraverso questo filtro, che trattiene le particelle e le deposita sul filtro.

Anche se sarebbe l’ideale se avesse un serbatoio molto grande per poter aspirare con facilità diverse superfici, la realtà è che più volume, più sarà pesante e meno comodo da maneggiare. Il serbatoio Dyson V11 Animal Plus ha una dimensione abbastanza comune tra questo tipo di aspirapolvere (0,76L) , ma in compenso il suo sistema di svuotamento è veloce e ci permette di farlo senza toccare lo sporco con le mani.

Nonostante ci siano parti come il tubo di prolunga in alluminio, nel Dyson V11 regna la plastica , un materiale che unisce leggerezza e resistenza per la pulizia quotidiana. Le finiture sono buone e l’incastro dei pezzi è agile e robusto: basta orientare opportunamente i pezzi e spingere fino a sentire il clac che ci informa che il collegamento è corretto. Gli accessori per Dyson V11 Animal Plus seguono le orme del resto del team: sono leggeri, resistenti e funzionali. Abbiamo già visto in precedenza quali accessori sono inclusi, ma è interessante sapere per quale tipo di pulizia sono indicati:

  • Trazione diretta , una spazzola motorizzata per l’utilizzo in modalità verticale con tutti i tipi di pavimenti e moquette. Combina setole e plastica per rimuovere lo sporco ostinato
  • Minispazzola motorizzata , come la precedente ma in miniatura. Serve per utilizzare l’aspirapolvere in modalità portatile in spazi più piccoli come materassi, tappezzerie, interni auto, piccoli spazi…
  • Minispazzola morbida per la pulizia di superfici dure.
  • Un’unità angolare , per concentrare l’aspirazione grazie a una bocchetta più piccola che si adatta a spazi e angoli ristretti, come battiscopa, telai, tra i cuscini, ecc. Adatto per la modalità ritratto e palmare
  • Accessorio multifunzione , per modalità ritratto o palmare. Si usa per pulire condotti d’aria, piani di lavoro, bauli… Con un pulsante per passare da bocchetta a spazzola

Manutenzione

Nel corposo manuale del Dyson V11 Animal Plus – disponibile anche qui  – possiamo trovare tutto ciò che riguarda la manutenzione di questo aspirapolvere. L’operazione più frequente che effettueremo è lo svuotamento del serbatoio, cosa molto rapida e semplice per la quale non dovremo nemmeno venire a contatto con lo sporco : basterà separare la testata dal resto degli accessori e, verticalmente con il serbatoio verso il basso, far scorrere la linguetta rossa per aprire il coperchio e far cadere il contenuto. Tuttavia, se tiriamo il pezzo trasparente, possiamo liberarlo per pulirlo più a fondo. Come per altri componenti, l’adattamento è perfetto, sentendo un clic per indicare che tutto è assemblato correttamente.

blank

Un’altra manovra consigliata per mantenere il Dyson V11 Animal Plus in condizioni ottimali è la pulizia del filtro . In questo caso, dovremo semplicemente girare il filo che si trova dietro lo schermo, tirarlo e pulirlo con acqua fredda e senza saponi. È molto importante reinserirlo quando è completamente asciutto (circa 24 ore).

Se il serbatoio o il filtro non sono fissati correttamente, sullo schermo apparirà un segnale di avvertimento che ci impedisce di utilizzare l’aspirapolvere.

Infine, possiamo anche smontare la spazzola Direct Drive ruotando una tacca che si trova di lato, in modo da poter sganciare il rullo e pulirlo dai peli.

Nessuna informazione viene fornita in merito alla frequenza di queste operazioni – dipenderà dal nostro utilizzo -, anche se in caso di svuotamento del serbatoio dovremo semplicemente attenerci a quando lo sporco raggiungerà la linea massima.

Conclusioni e prezzo

Dyson ha una lunga storia nel settore del vuoto. Tanto che costituisce un punto di riferimento a livello di innovazione, qualcosa che si può vedere nell’influenza che ha avuto su altri produttori a livello di design e tecnologie. Gli aspirapolvere di questa azienda britannica si collocano nella fascia media e alta e hanno, rispetto a modelli simili in termini di specifiche, un prezzo più elevato.

Il Dyson V11 è un aspirapolvere verticale di fascia più alta che possiamo trovare , non solo all’interno del catalogo del marchio inglese, ma anche all’interno di questa tipologia di aspirapolvere.

Appena un gradino più in basso troviamo il vecchio flagship, il Dyson V10, disponibile anche in tre versioni con rispettivamente 3, 7 e 9 accessori (vedi prezzo Dyson V10 Animal).

Entrambi i modelli sono molto simili nel design e negli accessori, trovando come principali differenze l’assenza di uno schermo LCD, una maggiore leggerezza e un po’ meno potenza di aspirazione. Insomma, se ci basta conoscere il livello della batteria per orientarci, possiamo risparmiare più di 100 euro con questa opzione che compete da te a te in potenza e autonomia, ma con una proposta più gestibile.

Ci sono pochi modelli sul mercato che corrispondono al Dyson V11 in termini di specifiche, soprattutto perché è difficile per i produttori fornire dati concreti sulla potenza di aspirazione e sull’efficienza del filtro. E se lo fanno, è un buon segno, poiché di solito si traduce in alta qualità.

Alternative: quelle che più si avvicinano, offrendo un’autonomia teorica di circa 60 minuti, sono la Conga Rockstar 600 Hero, meno potenti e con meno deposito, ma con una vasta gamma di accessori, tra cui uno per il lavaggio, la Bosch Unlimited Series 8; che comprende anche una simile collezione di accessori; la Rowenta Air Force Serenity, un po’ più pesante ma con un’autonomia ancora maggiore. Un passo indietro in termini di autonomia con 40 minuti, la scopa Proscenic P11, un modello di un’azienda poco conosciuta che si distingue per l’alto rapporto prestazioni-prezzo con un filtro HEPA e un serbatoio abbastanza capiente. Naturalmente, tutti mancano di uno schermo.

Conclusioni dalla nostra recensione del Dyson V11 Animal Plus

La nostra esperienza nel testare il Dyson V11 Animal Plus è stata molto soddisfacente. Ed è che nonostante sia privo di cavi e abbia un fattore di forma più compatto rispetto a quello dei classici aspirapolvere a slitta, la sua potenza di aspirazione e la qualità del suo filtro non hanno nulla da invidiare ai migliori aspirapolvere di tutta la vita. In questo senso Dyson è una garanzia, essendo il marchio più consigliato per le persone con problemi asmatici e/o respiratori.

dyson v11 animal plus
Possiamo depositare e caricare il Dyson V11 anima plus grazie al suo supporto.

Il Dyson V11 Animal Plus è una delle versioni di punta dell’azienda britannica in formato aspirapolvere verticale, e si vede. Quindi, è il più ambizioso in termini di batteria, potenza e design , con uno schermo che, sebbene non necessario, è molto pratico e utile quando puliamo. Apprezzato anche il suo sistema per lo svuotamento del serbatoio, che ci impedisce di macchiarci le mani. Naturalmente, il suo set in formato verticale può essere un po’ pesante per le persone che non sono molto in forma.

Sebbene Absolute Pro sia dotato di 9 accessori, Absolute 7 e Animal Plus “solo” 5 , questi sono sufficienti per pulire pavimenti, tappeti, tappezzerie, materassi, angoli o veicoli. Così, Absolute include una spazzola compatta per superfici difficili e una spazzola per pavimenti e Absolute Pro include quelle dell’Absolute con due elementi per la pulizia di difficile accesso: un adattatore e un angolo flessibile.

Se, oltre alla sua potenza, teniamo conto della sua autonomia di quasi un’ora, il set ci permette di affrontare “sfide” di pulizia profonda come la pulizia stagionale di materassi e divani, ma anche per ambienti molto sporchi o di grandi dimensioni.

Ma non solo è il fiore all’occhiello di Dyson, ma siamo anche di fronte all’aspirapolvere verticale più completo e innovativo sul mercato a livello globale e questa proposta ambiziosa ripaga. Dyson è il marchio di riferimento e, attorno ai suoi design e alle sue specifiche, sono emerse altre aziende in grado di offrire alcune caratteristiche simili a un prezzo generalmente inferiore.

Se cerchi la combo di alta potenza, notevole autonomia e filtraggio ad alta efficienza per una pulizia profonda e non vuoi rischiare con altri marchi minori, il Dyson V11 Animal Plus è una garanzia sia per il presente che per il futuro.
Pro
  • Schermo LCD per visualizzare modalità, autonomia e avvisi
  • Efficienza di filtraggio molto elevata
  • Elevata potenza di aspirazione
  • Pulizia del filtro semplice e veloce senza toccare lo sporco
Contro
  • Alto prezzo
  • Con il tubo di prolunga è pesante
  • Rumore moderato. Ci sono modelli più silenziosi

Confronto con altre scope elettriche

Nota: se usi il cellulare, scorri la tabella con il dito per vedere tutte le colonne.

Ultimo aggiornamento 2022-06-07 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API